RIGO Y SU OBRA MAESTRA - RAY RODRIGUEZ Y SWING SABROSO - RICO MONACO & SOL SONS - ORQUESTA BEMBE - LEFTY PEREZ - WAYNE GORBEA'S SALSA PICANTE - LARRY VUCKOVICH - OCHUN - SALVIA - JACK GATES - BATAZO - ALISON DEWAR - MASSIMO SORRENTINO - CALVOS - SON CAFE' WITH RALPH IRIZARRY - DAVID BUCKINGHAM - THE ECHO PARK PROJECT - JUDI DELEON - ROBERTO MAGRIS - CONNIE EVINGSON - GRUPO ESPERANZA - ALEX DIAMBRINI - NATALIE MICHAN - KAT PARRA - AIRES - ALEX GARCIA'S AFROMANTRA - OPA OPA - HILARIO DURAN - CUBANOSON - PAOLI MEJIAS - BOBBY MATOS - ERIC FRAZIER - VERNY VARELA - DANIEL PONCE - RUBIM DE TOLEDO - NICKI DENNER LATIN JAZZ TRIO - RAZA LATINA - BILL MCBIRNIE - SWING EN 4 - RODOLFO GUERRA Y SINCOPA LATINA - CARLITO Y EL IMPERIO CUBANO - LIONEL HAMPTON - ELLIOTT CAINE QUINTET - MATT FINLEY - SONANDO - ORQ. LA BOHEMIA - SONSUBLIME - MIKE BARONE - JIM PEARCE - MARK WEINSTEIN - PEQUENO JOHNNY - CREATIVE VOICES - CHEMBO CORNIEL & ANDREA BRACHFELD - FERNANDO KNOPF LATIN JAZZ BAND - NEW VIBES TRIO - IGNACIO BERROA - RICARDO GALLO - THE DALTON GANG - CLARK WOODARD & JOE FARRELL - CARLOS PELUZZA - JOSE' CORNIER - JIMMY "JUNEBUG" JACKSON - WENDELL RIVERA'S LATIN JAZZ ENSEMBLE - GABRIEL VIVAS - BOBBY RIVAS - ORQUESTA TAMBORA - METTLE MUSIC - PETE RODRIGUEZ - HARVIE S - RICK ARROYO - KEN GREGORY AND SOLID STATE BAND -  NORMAN HEDMAN'S TROPIQUE - THE JINGA QUINTET - MOJACAR FLAMENCO - GRUPO TRANSITO - NESTOR TORRES - MARK HOLEN - JOVINO SANTOS NETO - TWINSOUL - SALSACELTICA - JOHN ADAMS TRIO - DANNY SANCHEZ - PEDRO GIRAUDO - DANNY GREEN QUINTET - ORQUESTA TABACO Y RON

Home

Artists

CDs

Releases

Reviews

News

CD Week

Song Week

Top CD

Top 100

Made Italy Links
Rhythms Dance Songs Jazz Chart Salsa Chart Stats Contact

Writers

 

MYGROUP

MYSPACE

  Song Day

        AIRES - SIMPLEMENTE AIRES (2006)RICK DAVIES - SIEMPRE SALSA (2006)MIKE BARONE BIG BAND - METROPOLE (2006)RICO MONACO  & SOL SONS - LUNA SALERNO (2006)RAY RODRIGUEZ Y SWING SABROSO - BAILA CON SWING SABROSO (2006)SONSUBLIME - BAILANDO CON SONSUBLIME (2006)OPA OPA  - LOS PAISAJES (2006)

        MIKE BARONE - TURQUOISE (2006)RICK DAVIES AND JAZZISMO - SALSA STRUT (2001) RICO MONACO  & SOL SONS - (2001)THE ECHO PARK PROJECT - RETRO NEW YORK SALSA (2006)MIKE BARONE BIG BAND - LIVE 2005 (2006)BYRD PRESSLEY - PS I LOVE YOU (2005)ROWLAND SUTHERLAND'S MISTURA - COAST TO COAST

          

 

Radiovinilemania - Latin Jazz, Salsa and Latin Music

NOPOP - SESTETTO (2006)

G.Matteucci - clarinetti / G.Facchini - piano / M.Zaniboni - sassofoni / S.Ricci - contrabbasso / S.Savini - chitarre / M.Gazzoni - batteria

Questo inedito sestetto italiano, "la cui musica salta tra i vari generi in una maniera che ricorda carla Bley ma con più drammaticità" (da Cadence Magazine, USA), propone un lavoro dove si coniugano spirito di avventura e maturità. Sestetto è un ottimo disco di brani freschi ed originali, dagli arrangiamenti raffinati e le sonorità tipiche della terra di origine dei sei musicisti.

 

NOPOP - SESTETTO (2006)

many thanks to Fabrizio Ciccarelli

  1. L’airone
  2. Dimal
  3. Gabanì
  4. Biancospino
  5. Il sorriso delle finestre
  6. Oalì Oalà
  7. Saline
  8. Cosmos

 

Intervista di Fabrizio Ciccarelli

Stefano Savini, chitarrista e coideatore del progetto, ci presenta, col brio che lo distingue, l’avventura Nopop.

F.C. : Come è nato “Sestetto”?

S.S. :  Il progetto nasce da un’ idea mia e di Stefano Ricci: creare un gruppo che possa suonare le nostre musiche originali ( i brani sono tutti miei o suoi ) per una sonorità che avrebbe dovuto essere per quanto possibile il più reale all’ idea della musica che avevamo ed abbiamo in testa. Mi spiego: il suono acustico è una base fondamentale , la scelta dell’organico pure: usiamo tutti strumenti della tradizione popolare della nostra zona, il clarinetto, i sassofoni, il piano, la chitarra, poi chiaramente contrabbasso e batteria.

La musica che io che scrivo ed che ho scritto, come quella di Ricci, ha profonde radici nei nostri percorsi musicali, è chiara la forte matrice della musica classica del ‘900 negli arrangiamenti (che sono tutti di Ricci) ed in molti temi, soprattutto nei brani più meditativi. Come in altri vi è l’influenza del jazz nelle tematiche ed nello stile delle ritmiche, dei soli e della dinamica. Ma la novità  a mio modo di vedere è che la nostra musica, il progetto NOPOP, è genuino, senza forzature. E’ il nostro istinto e non potrebbe essere nient’altro, coi suoi pregi ed i suoi difetti: un lavoro sincero… credo che di questi tempi sia la gente che gli artisti abbiano molta difficoltà ad essere se stessi, oppure temono la loro realtà oppure non la possiedono… e la cercano in quella degli altri. I miei colleghi, veri artefici del suono e dell’estetica NOPOP,  sono tutti musicisti diplomati al Conservatorio nei propri reciproci strumenti e possiedono anche più diplomi  …ma le medaglie non fanno musica, ma sono i musicisti.  Noi siamo stati fortunati ad avere in Gian Maria Matteucci un clarinettista da suono bellissimo, pulito, unico, proveniente dalla  scuola classica ma con  padronanza del linguaggio jazzistico e non solo, con la cultura e la consapevolezza di conoscere ed intuire le nostre idee e le immagini che volevamo la nostra musica desse. Massimo Zaniboni. il più “jazzista” di tutti , è un giovane leone dello strumento,  con l’intuito di “uscire sempre in piedi” da qualsiasi situazione musicale gli venga proposta. Guido Facchini: difficile definirlo, è un artista geniale cinque… o non so quanti diplomi di conservatorio, pianista a 360 gradi, ascoltare per credere, direttore d’orchestra (vedi San Remo 99/2001/ 2002 ecc.) arrangiatore/sperimentatore preparatissimo…sono fortunato ad averlo con noi . Ci siamo capiti subito,questo in musica,vita e sogni è metà dell’opera. Mauro Gazzoni è un batterista, un musicista vero, suona il piano,  questo aiuta la sua idea del tempo, del ritmo da dare o da intuire per creare la giusta danza al brano, è inoltre molto versatile ed attento nei momenti decisivi ma con un istinto a volte irrefrenabile. Stefano Ricci , il mio socio, è anche il contrabbassista del gruppo QUINTORIGO (già qui non mi dilungo…altrimenti). E’ l’arrangiatore di tutti i brani, un musicista di grande esperienza nel live ed in studio, con studi di composizione alle spalle. Ha saputo dare concretamente il carattere e la sonorità “Nopop”. Io sono Stefano Savini, diplomato in chitarra e musica jazz, compositore della metà dei brani del CD e sostenitore dell’ integrità del nostro progetto: proporre una musica che abbia all’interno tutte le influenze dei nostri reciproci studi ed amori, ma con una chiara e spontanea dignità della realtà del nostro stile e della nostra idea di musica .

F.C. :  Un viaggio nelle atmosfere europee ma anche sudamericane, senza tralasciare l'impronta chiaramente jazzistica data all'album, perché questa scelta?

S.S. :  La scelta credo e crediamo di non averla fatta ma di esserci incappati dentro, mi spiego: un gruppo italiano, europeo, mediterraneo come noi siamo, non poteva prescindere dalle tradizioni culturali e musicali delle sue zone, anche senza ricercarle. Se il lavoro come nel nostro caso è una ricerca di se stessi e della propria identità musicale,direi che conviene essere sincero quando voi dare te stesso o la tua anima per comunicare con chi ti ascolta  Il jazz nella nostra musica è un linguaggio utilizzato principalmente per dare sfogo ai singoli strumenti che tramite l’improvvisazione possono commentare e trasportare il brano in situazioni (soprattutto dal vivo) molto coinvolgenti e vive, supportate dalle ritmiche e dai colori tipici della musica afro-americana. Comunque un utilizzo europeo dell’estetica jazzistica come da Lei giustamente osservato.

F.C. :  Ascoltando mi vengono in mente Philip Glass e certe emozioni world di cui tanto si suona, ma spesso in modo poco convincente e "di cassetta". I riferimenti possibili sono tanti, ma la personalità con cui sono ideati ed eseguiti i brani non li rendono strettamente necessari. Le architetture sonore sono molto individuali, le timbriche intense, nella ricerca della massima espressività di ogni strumento. Vuole dire la sua in questo senso?  

S.S. :  E’ chiaro che tutti i musicisti compositori di grande spessore, come ritengo Glass, possono in qualche modo essere affiancabili alla nostra estetica musicale perché li abbiamo ascoltati e studiati al pari di Bach, Mozart, Monk, M.Davis, Coltrane. L’ inquadramento nella cosiddetta “world music” può anche starci, ma nell’epoca della contaminazione, della multietnicità culturale chi non può prescindere da tutto ciò? In ogni caso il nostro “ World “ è più piccolo, periferico, intimo, provinciale, e per questo credo sicuramente più internazionale e comunicativo di altri tentativi. Noi esportiamo noi stessi e la nostra natura musicale, questa è la nostra scelta, come in passato hanno fatto molti altri, come  Ornette Coleman, Charles Mingus o Carla Bley, .

F.C. :  L'impressione, ascoltando, è quella di in album molto meditato, le tracks danno la sensazione di essere il punto d'arrivo di un percorso iniziato da un jazz "evoluto" e forse giunto ad una maturità che dal jazz può trascendere, alla ricerca di una sintassi musicale che comprenda molti linguaggi.

S.S. : L’impressione che ha avuto è quella giusta, l’album è meditato per quanto riguarda la scelta dell’arrangiamento complessivo dei timbri, dell’organico, del ritmo che deve seguire la batteria o lo strumento cui affidare il tema. E’ altrettanto forte l’ istintività nel seguire l’immagine che il motivo del brano declama. Io definisco la mia musica ed anche quella di Ricci una sorta di affresco sonoro delle nostre idee… chiaramente attraverso le sonorità degli strumenti di questo organico; noi, comunque, abbiamo anche altri  progetti ove utilizzare strumenti diversi ma con il quasi medesimo linguaggio riusciamo ad affrescare il quadro sonoro secondo l’intenzione che abbiamo in mente: ad esempio utilizzando l’elettricità strumentale,…ho coniato questo temine in questo momento, me ne scuso. Per concludere il nostro è un percorso che comprende molti linguaggi ma per sintetizzarne uno al meglio: cioè il nostro NOPOP…sarà una gara dura ma come ho già detto è l’unica cosa che mi sembra giusta ed artisticamente valida da fare!


Fabrizio Ciccarelli  
egozero@alice.it

in collaborazione con

JazzItalia

 

          

        MIKE BARONE BIG BAND - METROPOLE (2006)RAY RODRIGUEZ Y SWING SABROSO - BAILA CON SWING SABROSO (2006)SONSUBLIME - BAILANDO CON SONSUBLIME (2006)OPA OPA  - LOS PAISAJES (2006)RICK DAVIES - SIEMPRE SALSA (2006)RICK DAVIES AND JAZZISMO - SALSA STRUT (2001) VERNY VARELA - GRACIAS (2006)ROWLAND SUTHERLAND'S MISTURA - COAST TO COASTBYRD PRESSLEY - PS I LOVE YOU (2005)

        NATALIE MICHAN - MADRUGADA (2006)MATT FINLEY - BRAZILIAN WISH (2006)LUIS GARAY PERCUSSION WORLD - SACUMBATHE ECHO PARK PROJECT - RETRO NEW YORK SALSA (2006)MICHAEL SIMON & ROOTS UNITED - REVELACION (2004)MIKE BARONE BIG BAND - LIVE 2005 (2006)GABRIEL VIVAS - LOW REGISTERS (2006)ALEX DIAMBRINI - THIS GUITAR... THIS MUSIC (2006)EXPRESION LATINA - 9 DIAS DE RUMBA

        DANNY GREEN & CABALLERO VERDE QUINTET - PAST DUEAFROMANTRA - UPLIFTING SPIRIT (2006)MIKE BARONE - TURQUOISE (2006)RICO MONACO  & SOL SONS - LUNA SALERNO (2006)BILL MCBIRNIE DUO/QUARTET - PACO PACO (2006)SONANDO - EL MONTUNO (2005)SON CAFE' WITH RALPH IRIZARRY - TRIBUTO (2006)GREG CHAKO INTEGRATION II (2001)MARK WEINSTEIN - O NOSSO AMOR (2006)

        CUBANOSON - RECORDANDO A CUBA (2006)RICO MONACO  & SOL SONS - (2001)FREDDIE KING - DIGGIN DEEP (2006)3D - RITMO DE VIDA (2005)DAVID BUCKINGHAM - THE VIEW (2006)MARK WEINSTEIN - ALGO MAS (2005)CUBA VISTA & GUESTS - LA MUSICA DE CUBAORQUESTA BEMBE  - CARNAVALES (2006)MELANIE JACKSON & SAL CRACCHIOLO  - FLY (2000)

THE DALTON GANG - JUST FOR TONIGHTGREG CHAKO - INTEGRATION I (2000)CALVOS  - POST FACTUM (2006)ALISON DEWAR  - INTRODUCING ALISON (2006)THE DALTON GANG - LAST YEAR'S WALTZ (2006)AIRES - SIMPLEMENTE AIRES (2006)GREG CHAKO - WHERE WE FIND OURSELVES (2005)KAT PARRA - BIRDS IN FLIGHT (2006)

          

 

Free counter