CERCA
..
FREE NEWSLETTER
..
 
Aggiungi AAJ Italia ai tuoi siti preferiti - invio materiale - invio comunicati stampa - suggerimenti - contattaci  



Su questo numero

Aires Tango

Copland - Peacock

Marilyn Crispell

Galliano - Thielemans

Herbie Hancock 4tet

Jon Hendricks 4tet

Nguyen Le 4tet

Nicolas Masson 4tet

Bobby Previte

Schweizer - Streiff

Omar Sosa Trio

Chucho Valdes







GLI SPECIALI AAJ SU

Herbie Nichols

Frank Zappa



LE GUIDE SIDMA SU

Thelonious Monk

Gil Evans
Parte I e Parte II

Eric Dolphy
Parte I e Parte II

Il Blues degli Anni Venti
Parte I - Il Blues rurale





Traduzioni online degli
articoli di AAJ
(translate articles)




Ascolta online




.
Sestetto
Nopop (Silta Records - Italia - 2004)

Laura Magnani

E' il brano di apertura, "L'Airone", incalzante come il volo concitato del grande cinerino, a presentare lo spirito del lavoro d'esordio dei Nopop, Sestetto: una musica che evoca atmosfere di affascinato sogno e di sospensione visionaria.

Gia' dall'incipit si scopre che nulla e' scontato e che, via via che i bit scorrono sulle scale sonore, i musicisti danno libero sfogo alla loro inventiva, avventurandosi in escursioni ricche di echi ritmici antichi.

Filo conduttore della loro musica e' il gioco, fra sonorita' classiche e folk, tradizioni popolari e contemporaneita'. Questa e' la sfida lanciata da musicisti di ottima formazione tecnico-musicale, che non nascondono l'ambizione di confrontarsi con i ritmi delle loro radici per sconfinare in regioni inesplorate.

In tal senso Gabriele Mirabassi, nella presentazione di copertina, considera prezioso ed emozionante il "bottino" che i Nopop hanno accumulato attingendo materiale da fonti eterogenei: da qui la riconoscibilita' ed omogeneita' di un lavoro che coniuga spirito di avventura e maturita' compositiva.

Gli otto brani che compongono il CD sono invenzioni originali del chitarrista Stefano Savini e del contrabbassista Stefano Ricci, autore, quest'ultimo, anche degli arrangiamenti.

Ne risulta una musica che respira sonorita' eterogenee, collocandosi al di fuori di ogni possibile collocazione. Suoni che cullano l'ascoltatore attraverso i piu' disparati temi evocativi: cosi' a melodie dal gusto cinematografico come "Dimal" si succedono tanghi dalle sonorita' rigorose come "Biancospino" o ballate meditative come "Saline" o ritmi di nenia araba alla maniera dell'incantevole "Oali' Oala' ".

Votazione: * * * * *

Sito ufficiale dei Nopop:
http://www.nopop.it/
Sito della Silta records:
http://www.siltarecords.it/

Elenco dei brani:
01. L'Airone (Stefano Ricci) - 4.46
02. Di'mal (Stefano Savini) - 7.05
03. Gabani (Stefano Savini)- 6.02
04. Biancospino (Stefano Ricci) - 5.30
05. Il sorriso delle finestre (Stefano Ricci) - 5.20
06. Oali' Oala' (Stefano Savini) - 10.58
07. Saline (Stefano Ricci) - 3.59
08. Cosmos (Stefano Savini) - 11.12

Musicisti:
Gian Maria Matteucci (clarinetti)
Massimo Zaniboni (sassofono tenore e soprano)
Stefano Savini (chitarre)
Guido Facchini (pianoforte)
Stefano Ricci (contrabbasso e arrangiamenti)
Mauro Gazzoni (batteria)
 

Traduzione:

The opening track, “L’Airone”, is displaying the spirit of the first work by Nopop, Sestetto: a music which is recalling atmospheres of amazed dream and visionary suspension.

Already from the beginning we discover that nothing is obvious and that the musicians freely let their creativity flow, going through adventures rich of ancient rhythmic echoes.
 
The element leading their music is playing between classic and folk sounds, popular traditions and contemporary.
This is the challenge given by very skilled musicians, that don’t hide the ambition to compare themselves with the rhythms of their roots to cross the borders towards unexplored areas.
 
In this way Gabriele Mirabassi in his booklet notes considers precious and emotional the elements that Nopop collected from different sources: for this the work is recognizable and consistent and puts together spirit of adventure and mature compositions.
 
The eight tunes of the CD are original creations by guitarist Stefano Savini and by double bassist Stefano Ricci which is also the writer of the arrangements,

The final result is a music which is breathing etherogeneous sounds, placing itself out of any possible category. The sounds let the listener swing into the most different themes: so, melodies with a taste of movie soundtrack like “Dimal” are followed by tangos with the strong sounds like “Biancospino”, or by meditative ballads like “Saline” or arabic rhythms as on the charmeful “Oalì Oalà”.     Laura Magnani *****

Home   -   Aggiungi AAJ Italia ai tuoi siti preferiti   -   invio materiale   -   invio comunicati stampa   -   suggerimenti   -   contattaci  
© 1996-2005 Tutti i diritti su articoli, foto e disegni sono riservati Riservatezza