Logo
  Recensioni     

 

             
 
Sondaggio
I concerti ...
Costano troppo
Costano poco
Costano più di quel che valgono
Valgono più di quel che costano
Costa quel che costa ... suonate in Val D'Aosta
Vota  -  Risultati dei sondaggi
Voti : 1486
I nostri preferiti
Linea77 (3678)
The Cure (3430)
Kraftwerk (3122)
Audioglobe (3048)
Circolo degli Artisti (3023)
Eugeniocardi (2965)
E-band (2754)
Garbo (2574)
Wide (2290)
Orangotango (2061)
Camoriginalsoundtracks (1698)
PigRadio (1525)
PUNTOEACAPO (1051)
JobRapido (918)
SummerCase (820)
Top - Siti web
Mötley Crüe Italia (IT)
DCMA Italia (IT)
Cheap Wine (IT)
Offerte di lavoro - Laborandi (IT)
Altri Suoni (IT)
Almoust Famous (IT)
Kutfaces (IT)
FOSFENI (IT)
Vivaticket (IT)
VilleNoire (IT)
Ekleipsi Net-Label (IT)
Diatriba (IT)
The Master (IT)
Punto-Critico (IT)
My Chemical Romance Italia (IT)
Avenged Sevenfold (IT)
ACDC fire your guns (IT)
The Holy Hour (IT)
Soulkeepers (IT)
Radioland (IT)
Incontrollabili Serpenti (IT)
Offerte di Lavoro (IT)
RadioRomantica (IT)
RadioVasco (IT)
Ninkasi (IT)
Mikmoon (IT)
The Black mamba (IT)
Gorgeous (IT)
Debored (IT)
ZanZan Music Blog (IT)
Papesatan (IT)
Thunder road (IT)
Bakeca - annunci gratuiti (IT)
GuitarManiac.org (IT)
Juliet's Crying News (IT)
Visitatori
Visitatori Correnti : 12
Membri : 0

 
Cavicchi, Tavolazzi, Biancoli: Bill's Heaven To Bill Evans
Inserito il 13 dicembre 2008 alle 09:00:00 da Ivan Masciovecchio. IT - Recensioni - Cd
Indirizzo sito : Siltarecords


Tre straordinari interpreti dell'italico jazz rendono omaggio al grande pianista statunitense scomparso nel 1980. Musica paradisiaca, suonata con grazia e leggerezza. Un album di spessore che lascia piacevolmente sorpresi









Antonio Cavicchi, Ares Tavolazzi, Riccardo Biancoli

Bill's Heaven To Bill Evans

(Cd, Silta Records/I.R.D., 2008)

jazz

7/10


"...così vanno le cose, così devono andare..." cantavano qualche tempo fa i CSI di Giovanni Lindo Ferretti. Capita così che un cd, arrivato nel bel mezzo di un'afosissima estate, venga momentaneamente accantonato e messo da parte, causa anche un deprimente trasloco ed un ben più esaltante matrimonio. E che quella che all'inizio sembrava una congiura contro l'incolpevole dischetto, si è poi rivelata la sua fortuna, perché ripreso a distanza di mesi dalla sua uscita ed ascoltato con l'attenzione che merita(va), e con il mood giusto, complice un autunno piovoso, questo Bill's Heaven To Bill Evans, straordinario omaggio all'arte ed alla musica del compianto pianista americano, è davvero capace di portarti in paradiso.

Straordinario, ovvero inteso come fuori dall'ordinario. Intanto perché, mancando del tutto il pianoforte, questo progetto è teso ad esaltare la figura del musicista e compositore. E soprattutto perché le re-interpretazioni dei suoi brani, offerte dalla sensibilità e dal tocco lieve del TRIO composto da Antonio Cavicchi alla chitarra, Ares Tavolazzi al contrabbasso e Riccardo Biancoli alla batteria, hanno un'eleganza ed un equilibrio assolutamente non comuni.

Il modo in cui i tre musicisti italiani riescono a far dialogare tra loro i rispettivi strumenti, creando un tappeto sonoro solido e ben intrecciato nella trama delle singole improvvisazioni, rimanendo comunque liberi di sperimentare ma senza parlarsi mai addosso, è un altro dei motivi che rendono Bill's Heaven To Bill Evans un lavoro straordinariamente esaltante.

Le nove tracce dell'album, oltre a contenere alcuni brani dello stesso Evans (Turn Out The Stars, Periscope, Show-tipe Tune, Funkallero), contengono anche un paio di standard (I Fall In Love Too Easily e How Deep Is The Ocean) e alcuni brani scritti per lui da Earl Zindars (Mother Of Earl e How My Heart Sings. Conclude la track lists una esotica e gustosa Down From Antigua, scritta dal chitarrista statunitense Jim Hall, già collaboratore in passato con il maestro Evans.

 

APPLE IPOD TOUCH al miglior prezzo

Free Blogger






casasonica

www.icebergnews.it

Indice




 
 © Massimo Garofalo
RockShock non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.
Ogni autore è direttamente responsabile di ciò che scrive negli articoli e nei commenti. 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.4 derivato da ASP-Nuke v1.2
Questa pagina è stata eseguita in 0,21875secondi.
Versione stampabile Versione stampabile