musicboom_testata
leggi partecipa compra
Mar 17 Febbraio 2009 --- Ci sono 15 lettori online (Vuoi saperne di più?)
musicboom_testata
musicboom_testata
Username: Password: separatore (Registrati!)  
Argomento: Dove?    
musicboom_testata
compracd scheda
Cerca e compra questo CD valutando fra molte offerte e scegliendo quella più conveniente!spacer
Artista
Titolo
boomletter
La newsletter di Musicboom. Scrivici il tuo indirizzo email e riceverai le ultime notizie sul mondo della musica direttamente nella tua casella di posta!
spacer
Indirizzo email:
strumenti
Un insieme di utilità a tua disposizione.
spacer
carattere normale
carattere grande
carattere enorme
invia ad un amico
per la stampa
ultimi upload
Recensioni:
Marlene Kuntz
Il lento incedere dei successi
spacer
Interviste:
Deasonika
Sentirsi soddisfatti
spacer
News:
13 02 2009
A Camp il 20 aprile al Magnolia di Milano
spacer
Concerti:
Alkaline Trio
Un trio divertente
spacer
Speciali:
Io?drama
Il testamento di un pagliaccio
spacer
Rubriche:
In The Dark
Mansun – The Dead Flowers Reject: il gemello mai nato
spacer
consigli
Cover Info Tracklist Link
Cover
Artista: Trio
Titolo: Bill´s Heaven
Label: Silta Records
Anno: 2008
Nazione: Italia
Genere: jazz strumentale
01. Mother of Earl
02. Turn out the Stars
03. Periscope
04. I Fall in Love Too Easily
05. Down from Antigua
06. Show-tipe-tune
07. How Deep Is the Ocean
08. How My Heart Sings
09. Funkallero
Tutti gli articoli di Vittorio LoConte
spacer
Articoli riguardanti Trio
spacer

spacer
Silta Records
spacer

spacer
recensione
Recensione pubblicata il 16 02 2009
Questa recensione è stata letta 23 volte

Il paradiso di Bill
di
Vittorio LoConte

Con dei brani di Bill Evans, o altri resi famosi dalle sue interpretazioni, un trio italiano costituito da Antonio Cavicchi alla chitarra, Ares Tavolazzi al contrabbasso e Riccardo Biancoli alla batteria rende omaggio al grande pianista, stimato unanimamente come uno dei caposcuola moderni del suo strumento.
Certo non é facile trasportare sulla chitarre le atmosfere evocate da Bill Evans, ma Cavicchi, con un´esplicito richiamo a Jim Hall (di cui si riprende la bella "Down from Antigua"), anche lui interprete insieme ad Evans di incisioni storiche, ci prova e sforna un album gradevolissimo, in cui la poesia e la dolcezza dei temi sono messi in evidenza, insieme a delle improvvisazioni fantasiose.
La bravura dei tre nel suonare insieme è notevole, coinvolti in un progetto in cui ciascuno svolge il suo ruolo senza sovrastare, precisi e attenti al compito che si sono dati. Li si ascolta rilassati, facendosi trasportare da musiche eseguite ad un ritmo medio-lento, in cui tira un´aria da club di notte, in mezzo ad ascoltatori che fumano e storie che si intrecciano.
Si tratta di un progetto non originalissimo come musiche e sonorità, ma di fronte a tanta sincerità artistica è l´ultima cosa cui si pensa davanti ad un disco del genere.

Voti:
Il voto del redattore Il voto dei lettori
(voto: 3/5)
Omaggio a Bill Evans, questa volta da parte di un chitarrista
senza voto
Questo disco è stato votato da 0 lettori
Interattività:

Cosa aspetti a diventare un utente registrato?

Queste funzioni sono abilitate soltanto per gli utenti registrati. Si possono votare i dischi ed esprimere opinioni sugli artisti, sulle loro opere e su quanto scritto nelle recensioni o negli articoli. Gli utenti registrati hanno inoltre accesso a molte altre funzioni personalizzate sul sito. Basta un minuto, registrati e fai sentire la tua voce.



 
designed by Worldeditionsbusiness.com powered by 123 - DHD.com