versione italiana english version
 
Indirizzi |  Saranno Famosi |  J-Shop | Mailing List | Newsletter | Forum |  Links | Sondaggio |  Cont@tti
COMUNICATI Dal Brasile, la corroborante chitarra di Marco Pereira per il concerto della rassegna Jazle...
Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati
 
 

Silta Records - 2007

dove acquistare e scaricare musica, vendere e proporre la propria musica...
Enzo Orefice
The Old Standards


1.Intro
2. Celebre serenata - F. Shubert
3. Interludio basso
4. Per Elisa – L.V. Beethoven
5. Sarabanda – J.S. Bach
6. Interludio sax
7. Andante in sol m – W. A. Mozart
8. Studio op.10 n.3 - F. Chopin
9. Interludio batteria
10. Danza ungherese n.5 – J. Brahms
11. Allemanda in sol m – J.S. Bach
12. Postludio

Enzo Orefice - pianoforte, arrangiamenti
Luciano Ciaramella - sax tenore
Vittorio Pepe - basso
Ivo Parlati - batteria




Silta Records
email: info@siltarecords.it
web: http://www.siltarecords.it

 


Questo disco, per il proprio contenuto, tocca una diatriba molte e molte volte aperta, in diversi ambiti. Quali rapporti possono esistere fra repertorio Classico e Jazz? La relazione fra i due patrimoni si incrocia senza dubbio in più punti, non solamente teorici, fin dai primi decenni di sviluppo del Jazz – basta ripensare a Bix Beiderbecke ed alla sua passione per Ravel, Debussy. Jarrett e Corea dal canto loro hanno insegnato molto riguardo alle possibili tangenze fra i due elementi; si potrebbe poi indagare lungamente i contatti del Free Jazz con il repertorio contemporaneo. Certo non è questa la sede per sviluppare un discorso esaustivo, ma la scelta di questo quartetto richiama l'esigenza di raffrontare due veri e propri continenti artistici.

Attraverso arditi arrangiamenti, Enzo Orefice rielabora alcuni dei più famosi brani classici e li lavora proprio come si farebbe con uno standard jazzistico, proponendo prima il tema e poi costruendoci sopra i vari assoli. Intervallati fra questi compaiono brevi "interludi", affidati prima al basso, poi al sax e alla batteria. A chiudere il disco, invece, un "postludio" di Orefice.

Il quartetto in sé è straordinariamente prolifico: le personalità creative impongono la loro mano nell'approccio ai brani, cosicché in ogni voce si avverte una decisa impronta che rende inconfondibile il suono non solo personale, ma quello generale del disco. Il grande pregio del sodalizio fra questi musicisti si rispecchia prima di tutto nell'ottima coppia PepeParlati, che costituisce una sezione ritmica degna di lode e che più volte sorprende durante l'ascolto. Assieme, basso e batteria creano patterns molto belli, dinamici e variati, sia in stile d'accompagnamento propriamente jazz, sia in momenti più riservati dove danno il meglio di sé – e dove in particolare Pepe sfodera un gusto per il groove assolutamente poderoso. Nonostante le buone premesse però, il disco non è tuttavia esente da "difetti".

Se considerato in senso lato, il lavoro di questo quartetto appare "non esauriente". Principale motivo di questa sensazione è forse proprio il tentativo evidentemente troppo diretto di convertire il brano classico in uno jazz; anche se per fare questo esso viene notevolmente riarrangiato. Anzi, proprio in tale eclettica operazione di ricomposizione, a voler essere onesti, va cercata la defiance di cui questo disco soffre: in vari momenti si avvertono soluzioni che non si lasciano apprezzare. Sarà forse dovuto ad una selezione comprensiva di brani ormai (purtroppo) scontati, primo fra tutti "Per Elisa", in cui compaiono anche la Sarabanda della "Suite Inglese in La m" di Bach, o anche la "Danza Ungherese" di Brahms. E' un peccato dover constatare questa pecca, soprattutto se si considera ancora una volta la bontà delle voci presenti. Proprio la "Danza Ungherese", ad esempio, raccoglie idee estremamente interessanti e curiose, che la rendono una delle più piacevoli tracce del disco; prepotente protagonista qui è proprio Pepe, che dà il meglio della propria tecnica, ma purtroppo il senso generale che traspare è ancora di mancanza di qualcosa, di vuoto.

Molto più riuscite invece sono "Andante in Sol m" e lo "Studio Op. 10 n. 3"; qui l'arrangiamento è molto fine e riesce a risultare non stucchevole, piacevole all'ascolto e adatto a sostenere le voci soliste. Davvero belli i soli di Ciaramella e Orefice proprio nello "Studio". Ancora una volta, il nostro pianista dimostra grande capacità di fraseggio sui tempi lenti, dove può appoggiare con calma e fluidità le note, creando frasi distese ed emotivamente coinvolgenti.

A conti fatti quindi "The Old Standards" non entusiasma in modo particolare, nonostante non sia affatto carente di momenti ben riusciti.
Achille Zoni per Jazzitalia




Articoli correlati:
23/12/2007

Palavras de Amor (Effetto Musica Ensemble e Claudia Marss)

10/03/2007

Night Dancers (Paolo Lattanzi Group)

04/02/2007

LEZIONI (Trascrizioni): "Cool Joe, Mean Joe (Killer Joe)" solo di flauto funk da parte di Hubert Law (Enzo Orefice)

26/11/2006

Ergskkem (Gianni Lenoci - Giorgio Dini - Markus Stockhausen)

02/09/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Last Train Home", il solo di Pat Metheny (Enzo Orefice)

17/04/2006

LEZIONI (Arrangiamento): Incremento graduale d'organico: 5 sax, 1 tromba, 1 trombone. (Enzo Orefice)

30/12/2005

With Friends (Jean Claude Jones)

21/11/2004

LEZIONI (Arrangiamento): Armonizzazione a 5 parti con organico misto (appendice alla prima lezione). (Enzo Orefice)

07/11/2004

Out! (Giorgio Dini - Carlo Actis Dato)

01/11/2004

Le note richiamano versi (JP Band)

13/09/2003

Retrato em branco e preto (Effetto Musica Ensemble)



Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 558 volte
Data ultima modifica: 26/02/2008

  Invia questa pagina ad un amico



Home |  J-Shop |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Mailing List | Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti