SENTIREASCOLTARE
Caratteri: [Small] [Medium] [Large]
cover image

Luca Lo Bianco – La scomparsa di Majorana (Silta Records, 2006)


di Daniele Follero 

Raccontare la vita del grande matematico Ettore Majorana (nell’anno appena trascorso in cui cadeva il centenario della sua nascita) così come il mistero della sua scomparsa, attraverso le parole di Leonardo Sciascia. Due espressioni della sicilianità del Novecento, di quel sud che continuava a produrre genii spesso incompresi, ma che con il senno di poi hanno davvero cambiato le cose.

Luca Lo Bianco, siciliano anche lui, prova a narrare la vicenda di Majorana attraverso la musica, senza che questa risulti un semplice sfondo alla recitazione. Certo, ci troviamo di fronte ad un reading, con tanto di voci recitanti ( da cui è stato tratto uno spettacolo), ma la musica non è assolutamente in secondo piano, anzi si può dire che l’album riesca a brillare di luce propria.

Vita, morte (e miracoli) di uno dei più grandi studiosi di energia atomica, prende qui le forme del jazz, che talvolta acquisisce elementi elettronici (Un’andatura quasi incerta), ma che per lo più si mantiene su atmosfere discrete, senza disturbare.

La scomparsa di Majorana è di quei dischi che scorrono lisci come l’olio, senza particolari sussulti, tant’è che quando interviene il sax dell’ottimo Gianni Gebbia, il livello si eleva con un’evidenza tale da far sobbalzare anche l’ascoltatore più distratto. I nove minuti di Thanatos virano infatti verso un free caldo, coinvolgente, che scardina il formalismo che pervade quasi tutto l’album.

Album che si chiude con il famoso canto popolare argentino Alfonsina Y El Mar, composto in memoria di Alfonsina Storni, le cui sorti vengono qui accostate al destino di Majorana che “La sera del 25 Marzo del 1938 partiva alle 22.30 col postale Napoli-Palermo. Si perdono le sue tracce tra la partenza e l’arrivo di un misterioso viaggio per mare. Il suo corpo non si sarebbe mai più ritrovato. All’epoca dei fatti aveva l’età di 31 anni”..

(6.4/10)



  1. Intro
  2. Un'andatura quasi incerta
  3. I ragazzi di via Panisperna
  4. Inganni e ritardi
  5. Lipsia 10/1/1933
  6. Thanatos
  7. Senso comune
  8. La disintegrazione di un atomo radioattivo
  9. Per non più di tre giorni
  10. Alfonsina y el mar