Ultimo aggiornamento lunedì 29 gennaio 2007 ore 18.55
balarm.it
SEZIONI
Nome e Cognome:

E-mail:

iscrivimi rimuovimi
SEZIONI
Quando esci sei un frequentatore di ...
locali per fighetti
locali con live di circuito indipendente
pub con cover band
ristoranti e pizzerie
discoteche
vado un po' ovunque
esco di rado
PARTNERS
DATABASE ARTISTI

Cover band

Band

Musicisti solisti

Attori

Compagnie teatrali

Deejay

Scrittori

Sceneggiatori

Scenografi

Pittori

Scultori

Disegnatori

Fotografi

ricezioni sonore


Luca Lo Bianco, la sicilianità tra musica e testo

Luca Lo Bianco
Luca Lo Bianco 

"La scomparsa di Majorana", è il titolo del nuovo cd del contrabbassista palermitano Luca Lo Bianco, liberamente ispirato al libro di Leonardo Sciascia. Pubblicato dall'etichetta Silta Records e co-prodotto dalla Provincia di Palermo, il cd vede protagonisti anche altri musicisti, tra cui Claudio Gioè, Rosario Tedesco (actors), Ferenc Nemeth, Mimmo Cafiero, Massimo D'Aleo, Fabrizio Giambanco (drums), Gianni Gebbia, Gaspare Palazzolo, Orazio Maugeri (sax), Giorgia Meli (voice), Francesco Guaiana (guitar), Mauro Schiavone (piano) e infine Luca Lo Bianco (acoustic & electric bass, electronics). La storia racconta e abbraccia la suggestiva tesi dello scrittore sulla sparizione del fisico Ettore Majorana. La vicenda si sviluppa in un periodo di grande fervore scientifico e risulta straordinariamente attuale nella sua complessità, consegnando alla storia la figura di un uomo coraggioso e geniale che, probabilmente, di fronte all’intuizione delle potenzialità devastanti della ricerca nucleare, decide di scomparire calcolando con estrema efficacia i dettagli del suo piano. Sciascia e Majorana due espressioni di sicilianità complesse e reali, di estremo rigore; l’uno nella ricerca ostinata di un’altra verità possibile, l’altro nel rifiuto di una scienza che “portava come un segreto al centro del suo essere”. Due uomini che ponendo come soggetto del loro agire il rifiuto di una realtà imposta, accettano le conseguenze del loro operato con una forza esemplare permeata da una ineluttabile consapevolezza.

«L’idea che mi ha spinto a pensare questo progetto - spiega Lo Bianco - è quella di poter realizzare una reale sinergia tra musica e testo, rendendo il suono parte integrante della narrazione. La musica quindi non ha più un ruolo di semplice commento musicale, ma è il terreno fondante su cui l’intera vicenda si svolge, creando non solo un sostrato che integra il testo nella sua funzione narrativa ed evocativa (suscitando scenari, immagini e luoghi), ma divenendo essa stessa strumento per esporre l’unicità di una storia intrisa di una spiritualità che ho voluto raccontare con il linguaggio dei suoni». Lo spettacolo è stato presentato in prima assoluta a Berlino in collaborazione con il Teatro Instabile Berlino all’interno della manifestazione "Eine sizilianische Metaphysik. Ettore Majorana und Leonardo Sciascia: zwischen Wissenschaft und Literatur" realizzato nel mese di gennaio 2006 alla Werkstatt der Kulturen (Berlino) ed è stato inoltre selezionato su 50 candidature presentate per la seconda sessione di Movin’Up 2005, il concorso che sostiene la mobilità nel mondo dei giovani artisti italiani. Una commissione nazionale appositamente costituita, formata da esperti e professionisti dei diversi settori artistici, si è riunita presso la sede della Segreteria Nazionale del G.A.I., a Torino, e ha selezionato "La scomparsa di Majorana" tra le proposte artistiche più meritevoli. E' possibile acquistare il cd anche attraverso il sito di Luca Lo Bianco all'indirizzo www.lucalobianco.it

23/01/2007
Invia questo articolo ad un amico
Stampa questa pagina