Imposta MusicbOOm come pagina iniziale Aggiungi MusicbOOm ai tuoi preferiti Lun 17 Ottobre 2005
Ci sono 38 lettori online
:: Archivio ::
# - A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
:: Cover ::
:: Recensione pubblicata il 11-10-2005 ::
Questa recensione Ŕ stata letta 88 volte

Un basso e tanti amici
di
Cosimo Parisi

La Silta Records del contrabbassista Giorgio Dini ci permette di fare conoscenza con la scena creativa israeliana. Si tratta del collega Jean Claude Jones che su questo album si presenta in duo con molti suoi amici: i cantanti Josef Sprinzak e Yael Tai, Harol Rubin al clarinetto, Yuval Mesner al violoncello, Gan Lev al sax baritono e contralto, Albert Beger al flauto, Hagai Fershtman alla batteria, Ariel Shibolet al sax soprano e Maya Dunietz al pianoforte.

La particolaritÓ della societÓ israeliana odierna, che raccoglie insieme cittadini appartenenti ad una diaspora antichissima, ha permesso l┤incontro di musicisti provenienti da paesi e culture eterogenee. C┤Ŕ chi Ŕ pi¨ legato alla musica orientale e chi invece ha giÓ conosciuto la musica improvvisata di stampo europeo e americano (le improvvisazioni con Ariel Shibolet, ad esempio, sono dedicate a Peter Kowald).

La sostanza della musica non sfugge per˛ mai di mano a Jones: ci sono improvvisazioni senza base di partenza, momenti pi¨ strutturati e persino delle composizioni, ovviamente di stampo moderno. Lui sa trarre sempre il massimo dalle rispettive situazioni e dai partner, tutti degni della massima attenzione.

Si tratta di un disco da ascoltare con calma, che pretende uno slow listening: ognuno ci troverÓ qualcosa in grado di colpire le corde della sua sensibilitÓ.

Translation:

Silta Records, managed by bassist Giorgio Dini is allowing us to know the creative scene of Israel. We talk about his collegue Jean Claude Jones, who on this album is performing duos with many of his friends: singers Josef Sprinzak and Yael Tai, Harol Rubin on clarinet, Yuval Mesner on cello, Gan Lev on baritone and alto sax, Albert Beger on flute, Hagai Fershtman on drums, Ariel Shibolet on soprano sax and Maya Dunietz on piano.

The peculiarity of today's society of Israel, collecting citizens since long time, allowed the meeting of musicians coming from different countries and cultures. Someone is more linked to the oriental music and others already got in touch with european and american improvised music (the improvisations with Ariel Shibolet for example are dedicated to Perter Kowald).

The meaning of the music is never escaping from Jones intention: there are free improvisations more structured moments and even compositions, obviously in a modern shape. He is able to achieve the best from any situation and form his partners.

This is a record to listen quietly, needing a slow listening: evrybody will find something capable to hit his own sensibility.

 

 

 

 

 

   
:: E inoltre... ::
:: Scheda ::
:: Jean Claude Jones
:: With Friends
:: Silta Records
:: 2005 (ISR)
:: [avant-garde jazz]
:: Tracklist ::
01. The Lion
02. Esther
03. Improvisation N. 1
04. Improvisation N. 2
05. Improvisation N. 1
06. Improvisation N. 2
07. Improvisation N. 3
08. Improvisation N. 4
09. Petite Petite
10. Improvisation
11. Improvisation N. 1
12. Improvisation N. 2
13. Improvisation N. 1
14. Improvisation N. 2
15. Improvisation N. 1
16. Improvisation N. 2
17. Improvisation N. 3
:: Sul Web ::
:: Il voto del redattore ::
(voto: 4/5)
Ottima panoramica sulla scena creativa israeliana
:: Il voto dei lettori ::
senza voto
Questo disco Ŕ stato votato da 0 lettori
:: Esplora ::
:: Vota il disco ::
Esprimi il tuo voto:
:: Scrivi un commento breve ::
Vuoi commentare questa recensione?
Nickname:
Commento:
Caratteri rimanenti:
:: Commenti dei lettori ::
I lettori hanno scritto 0 commenti
Pagina: 1
Vai alla pagina:
 
MusicbOOm CinebOOm MeiWeb World Editions Business